· 

La merenda ideale


E' complicato essere precisi nel dare indicazioni soprattutto perché non esistono dati che possono confermare delle visioni dettagliate ed "estreme" in campo alimentare.

E' giusto mantenere un approccio un po' più morbido, chiarendo in modo deciso alcune basi che hanno valenze reali: molte volte possono sembrare banali e scontate, ma altrettante volte vengono sottovalutate e snobbate.

 

Per quanto riguarda la merenda esiste un errore primario che spesso si commette: ed è sostituire alimenti semplici e genuini con prodotti confezionati, industrializzati, ricchi di zuccheri e poco nutrienti in cambio di molteplici calorie.

Il primo passo da compiere, quindi è entrare nell'ordine di idee che tutto ciò che è confezionato o eccessivamente elaborato va limitato se non tolto del tutto e tornare agli alimenti semplici come la frutta, la frutta a guscio, uno yogurt al naturale.

 

Il problema principale è che i prodotti semplici attirano molto meno rispetto a quelli confezionati; e qui bisogna essere in grado di cambiare le abitudini capendo i benefici di un'alimentazione sana sul nostro benessere.

 

Risulta quasi una sfida psicologica; una lotta tra un benessere concreto e immediato (la merendina) e un benessere un po' astratto e a lungo termine (il benessere indotto da uno stile di vita sano).

Un metodo per vincere questa sfida è sicuramente crearsi delle situazioni corrette, come organizzarsi con gli spuntini pronti in modo da non arrivare al momento dello snack impreparati e ricorrere alla soluzione semplice, veloce e appagante della merendina.